Una tazzina perfettamente estratta grazie alla corretta manutenzione della macchina espresso

La macchina da caffè professionale, dopo essere stata tarata da un tecnico, richiede una manutenzione periodica, così come la maggior parte delle attrezzature da bar. La necessità di pulire questa delicata fornitura per la ristorazione è dettata dal fatto che i vari componenti potrebbero lavorare male a causa della sporcizia accumulatasi.  Non si tratta quindi di un mero vezzo estetico, bensì di una priorità per consentire il corretto funzionamento di questa attrezzatura da bar.
Ogni sera si devono pulire filtro, portafiltro, docce e guarnizioni; questa pulizia può essere svolta anche più volte al giorno. Ogni settimana si lavano i gruppi con filtro cieco e apposito detersivo.
Per effettuare la pulizia del gruppo erogatore, si deve operare come riportato di seguito. Con l’apposita spazzola in dotazione, si pulisce la guarnizione in gomma. Si inserisce il filtro cieco nel portafiltro, si aggancia il braccio al gruppo, poi si aziona il comando per circa 30 secondi, in modo che l’acqua pulisca bene l’interno del gruppo erogatore. In un primo momento è possibile allargare e stringere il braccio per 2-3 volte, a intervalli di qualche secondo, in modo che la pressione spinga l’acqua fuori dai bordi, pulendo la guarnizione di sottocoppa, quella gomma che permette la tenuta perfetta del filtro.

attrezzatura bar
Importante: questa operazione va eseguita avvolgendo una spugnetta al braccio portafiltro, per proteggere la mano dall’acqua calda in uscita. Si svitano le doccette, si stacca il filtro dal portafiltro e con una spugnetta ruvida e acqua calda (senza detersivo) si lava bene tutto e si reinserisce ogni elemento al suo posto. Le doccette si tolgono svitando una vite centrale.
Importante: smontare le doccette in alcuni modelli di macchine da caffè professionali è poco rapido e pratico, perché occorre far leva con un cacciavite su un fianco della doccetta, smontando anche la guarnizione; per reinserire il tutto lo si posiziona a mano e lo si rimette nella sede agganciando il portafiltro senza filtro. Poiché esiste la concreta possibilità che l’operazione rovini la doccetta, di norma si evita di smontarla.
Una volta alla settimana i gruppi sono lavati con un apposito detergente fornito dal tecnico, inserendo il filtro cieco, mettendo dentro la polvere e azionando il gruppo erogatore.

Scrivi un commento